Cooperare per lo sviluppo locale: spazi pubblici per lo sviluppo sociale, sportivo e culturale

In questo mare di cemento, ogni tanto qualche Amministratore ha avuto il tempo di costruire anche una struttura per lo sport, per la socializzazione e la promozione culturale. Ma che fine fanno?
Spesso diventano luoghi in disuso e di degrado. Non basta costruire, bisogna pensare a forme di gestione sostenibili e soprattutto offrire servizi accessibili ad una popolazione che soffre la mancanza di spazi e servizi che favorirebbero la comunità.
Vi invitiamo a seguire e ad intervenire nella diretta di venerdì alle 18:00. Parleremo di spazi pubblici per lo sviluppo sociale, sportivo e culturale della comunità. Quali criticità e quali risorse possibili?
Spazi pubblici per lo sviluppo sociale, sportivo e culturale.

 

In diretta con noi

Michele Emiliano Sindaco

di Crispano, Antonella Lettera Assessore allo sport del Comune di Frattaminore, Ciro Pizzo UniSob Napoli e Francesco Iannucci, portavoce del CSL.

Fabula

Il laboratorio di comunità FABULA scalda i motori. Circa un anno e mezzo dopo l’atto vandalico nell’ex municipio di Atella a Sant’Arpino, dove un’incursione notturna procurò circa 100mila euro di danni, lo spazio “ibrido” al servizio della cultura delle arti performative, del welfare, dell’inclusione sociale, è pronto a partire. Punto di ritrovo e contenitore di eventi, FABULA è uno spazio di produzione culturale. Organizza e ospita mostre, presentazioni, rassegne culturali, meeting, rappresentazioni sceniche e incontri del gusto.

Un bar-bistrot

Inoltre c’è spazio per un bar-bistrot, dove l’attività di ristorazione sarà finalizzata a garantire sia la sostenibilità del progetto sia l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità psicofisica. Il servizio ristoro proporrà prodotti di qualità e biologici. Sarà un punto di educazione alimentare, sia per i bambini che per le famiglie, anche grazie a un orto didattico.

Riqualificazione dell’edificio

Il piano terra sarà adeguato per ospitare, in un’ala, le attività di ristoro e caffetteria sociale e, nell’altra ala, le attività socio-educative per minori. Il giardino sarà riqualificato e attrezzato con impianto di irrigazione e illuminato con sistemi di proiezione e videopainting.

Al primo piano il Museo Archeologico di Atella

Il primo piano sarà dedicato al Museo Archeologico dell’Agro Atellano-Succivo. L’esposizione dei reperti sarà innovativa resa con strumenti didattici atti a favorire la conoscenza del luogo e rafforzare l’identità storico culturale. E’ così che il Museo diverrà un punto di identificazione civica, un luogo in cui poter condividere le proprie idee e i propri saperi.

Al secondo piano uno spazio culturale integrato

Il secondo piano ospiterà uno spazio culturale integrato. Ci saranno: mostre, eventi, laboratori. Saranno inoltre allestiti spazi espressivi a disposizione di giovani artisti, spazi di formazione per il Terzo Settore, un’area co-working. Gli enti del partenariato svolgeranno un’attività di consulenza e progettazione per lo sviluppo locale.

Servizi socio-educativi e innovazione tecnologica

Un Centro Diurno per Minori, aperto tutti i giorni con laboratori educativi e servizi aggiuntivi: ludoteca; baby sitting; campi estivi. La didattica museale, anche grazie alle nuove tecnologie, offrirà percorsi educativi innovativi ed avvincenti.

CHE RUOLO AVRÀ LA RETE CSL?

Coinvolgimento della comunità

Verrà attivato un gruppo di lavoro professionale e multidisciplinare. Lo scopo è segnalare opportunità di crescita e di sviluppo per gli Enti Locali, le scuole, il Terzo Settore, le imprese. Si prevede un percorso di inclusione sociale e lavorativa dei giovani con disabilità motorie ed intellettive lievi. Riceveranno una borsa lavoro a supporto delle attività di ristorazione e caffetteria sociale. Maestranze esperte passeranno il testimone alle nuove leve, realizzando così una sorta di bottega dei mestieri in tutti gli ambiti di attività di FABULA.

Fraincanti

Frattaminore in Cantiere

Un progetto che coinvolge l’intera città attorno ad un’idea nuova di vivere il proprio territorio

Bando: Un passo avanti
Finanziato da: Impresa sociale Con i bambini
Partner: Cantiere Giovani coop (capofila), Comune di Frattaminore, CSL Coordinamento per lo Sviluppo Locale, CAM, Progetto Famiglie Solidali, Progetto Esserci, Proloco Frattaminore, Scuola Colombo – Frattaminore, Scuola N. Atellano – Frattaminore, Parrocchia S. Simeone – Frattaminore, Parrocchia S. Maurizio – Frattaminore, Rete Iter
Durata: Giugno 2020 – Giugno 2023

#cittadinanza, #partecipazione, #comunità locale

Blog: percorsiconibambini/fraincanti Facebook: fraincanti | Seguici anche su Instagram e Tik Tok!

Sintesi e obiettivi

Frattaminore in Cantiere intende coinvolgere l’intera città contro la povertà educativa: Comune, tutte le scuole, le parrocchie e le associazioni, con la partecipazione degli esercizi commerciali, per trasformare la città in un cantiere educativo ed inclusivo permanente.
L’obiettivo è creare 4 Cantieri educativi sul territorio, affinché i minori possano essere accompagnati nella loro crescita grazie ad una rete di educazione e inclusione:
– CANTIERE DEI GIOVANI: un polo al centro della città dove istituzioni e terzo settore si coordinano per lo sviluppo delle politiche educative ed inclusive. Famiglie e ragazzi trovano uno spazio informativo, di orientamento e sostegno attraverso sportelli, laboratori ed eventi.
– CANTIERE DEI PIRATI: in una struttura comunale, si crea un centro diurno socioeducativo che accoglie minori in situazione di svantaggio e per i quali il Servizio Sociale segnala la necessità di un intervento educativo.
– CANTIERE DELLO SPORT: con 3 palestre e 4 spazi all’aperto comunali, adatti ad attività sportive e motorie, si realizzerà un programma stabile sportivo e ludico-aggregativo esteso nelle diverse aree della città, aperto a minori e famiglie.
– CANTIERE TERRITORIALE: “Fra Incanti” integra le manifestazioni annuali della città implementandole con nuove attività socio-educative e culturali nelle strade e nelle piazze, per sensibilizzare e aumentare l’accesso, la coesione e l’inclusione dei cittadini.

Fraincanti: la rivista. Cittadinanza e comunità tra Napoli e Caserta

Una pubblicazione trimestrale con l’ambizione “di riscrivere un nuovo vocabolario per questa nostra terra (…) Uno strumento capace di diffondere un lessico completamente nuovo, ampiamente condiviso, ricco della storia e dei volti di coloro che sceglieranno di cavalcare questa follia”.

Num. 0 – Dicembre 2020 Rivista e inserto con giochi per i bambini “Questo non è una rivista”

 

Visibilità e comunicazione

Brochure di progetto
Comunicato stampa

Scheda progetto